Il progetto di ampliamento e recupero funzionale della sede

Il progetto di ampliamento e recupero funzionale della sedeL’acquisizione dell’edificio ha consentito al Ministero per i beni e le attività culturali di avviare un progetto di recupero strutturale e funzionale in modo da restituire l’intero fabbricato alla sua destinazione originaria.

L’intervento si inquadra nella nuova politica di investimenti che l’amministrazione intende promuovere nei confronti degli istituti archivistici: in tale ambito l’archivio di Cagliari rappresenta un significativo esempio di recupero e valorizzazione di un edificio demaniale destinato alla pubblica fruizione.

Il progetto é stato concepito proprio con l’intenzione di dare all’Archivio un’immagine di qualità in linea con i nuovi bisogni della società che vede un vasto pubblico avvicinarsi sempre di più al mondo degli archivi e della ricerca storica. In tale prospettiva sono state particolarmente privilegiate le infrastrutture di “accoglienza”.

Così il primo piano é stato organizzato in modo da ospitare esclusivamente funzioni e servizi strettamente legati al pubblico: gli spazi comprenderanno un guardaroba, una sala degli inventari, una sala di studio moderna e funzionale gestita con un sistema computerizzato che garantirà un rapido accesso ai documenti e la consultazione on-line di quelli informatizzati.

Al primo piano sono anche previste una sala mostre, una sala conferenze dimensionata per accogliere sino a 120 partecipanti nonché un’aula polifunzionale per la didattica destinata alla Scuola di archivistica annessa all’Istituto e ai servizi didattici per le scuole.

Il progetto dedica particolare cura alla conservazione del materiale documentario, in continuo accrescimento.

I nuovi depositi, distribuiti nei vari piani con l’utilizzo di sistemi di archiviazione compatti e mobili a doppio modulo, triplicheranno l’attuale capienza. È prevista la realizzazione di impianti di climatizzazione e antincendio, quest’ultimo con sistema automatico di spegnimento.

Gli uffici per il personale e i laboratori tecnici (il servizio di fotoriproduzione su microfilm, supporti magnetici e dischi ottici e quello di legatoria e restauro) saranno situati ai piani superiori. Il sistema dei percorsi (orizzontali e verticali) garantirà un razionale svolgimento di tutte le attività: la rapida consegna dei documenti dalla sala di conservazione a quella di studio, passaggi indipendenti con la sala mostre e quella didattica.

Il collegamento tra i piani verrà effettuato tramite un ascensore dimensionato per accogliere anche i portatori di handicap.